Home » Tarassaco a cosa serve: un rimedio naturale alle patologie metaboliche

Le società sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo sono sommerse dal disturbo metabolico della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2 (T2D). Il mondo sta affrontando un enorme onere clinico ed economico a causa dell’enorme aumento dell’incidenza del diabete e per tanto c’è stato un crescente interesse per alimenti, nutraceutici e medicinali da piante e altre fonti naturali che conservano proprietà benefiche per la salute nei paesi sviluppati. Vediamo insieme le caratteristiche di una di queste: il Dente di Leone o Tarassaco a cosa serve.

 

Tarassaco a cosa serve: origine e botanica del dente di leone

Il dente di leone o Tarassaco è una pianta del genere Taraxacum e un membro della famiglia delle Asteraceae. È stata usata come erba medicinale per molto tempo Il dente di leone è prodotto per scopi medicinali e cibo, sia coltivato da fonti selvatiche che coltivato. Viene coltivato e prodotto prevalentemente in Bulgaria, Romania, Ungheria e Polonia. È in grado di tollerare la siccità e il gelo. In Russia, India e Cina, il Tarassaco è stato utilizzato in etnofarmacologia come medicina popolare tradizionale a causa dei suoi effetti epatici e iperglicemici. Viene spesso consumato come alimento (insalate) in quanto è una ricca fonte di micronutrienti come minerali e vitamine. Il dente di leone ha numerosi benefici terapeutici, incluso il trattamento di T2D, vesciche, milza e disturbi al fegato ed è usato come medicina tradizionale popolare in Turchia e Messico per il controllo del T2D.

 

Tarassaco a cosa serve: proprietà nutrizionali, chimiche e biologiche del dente di leone

La concentrazione di polifenoli è maggiore nei fiori e nelle foglie che negli steli, Le radici del dente di leone contengono carboidrati (es. Inulina), carotenoidi (es. Luteina), acidi grassi (es. Acido miristico), minerali, zuccheri (es. Glucosio, fruttosio e saccarosio), vitamine della colina, mucillagini e pectina. Fino al 45% delle radici è costituito da inulina, un carboidrato complesso (frutto-oligosaccaridi) con molti effetti benefici come l’eliminazione di agenti patogeni nel tratto gastrointestinale e la repressione di obesità, cancro e osteoporosi. Oltre al suo utilizzo come sostituto del caffè e esaltatore di sapidità nelle bevande, gli estratti di foglie sono noti per essere efficaci contro l’obesità e le malattie cardiovascolari. Il dente di leone include potenziali componenti bioattivi come lattoni sesquiterpenici, taraxasterolo (TS), taraxerolo, acido clorogenico (CGA) e CRA. Questi componenti non sono tossici e possono essere sfruttati per le loro proprietà potenzialmente antinfiammatorie, antiossidanti, antireumatiche e cloretiche. Vediamoli insieme:

  • Lattoni sesquiterpenici

I lattoni sesquiterpenici (SEL) sono comuni nelle piante della famiglia delle Asteraceae. Il profilo biologico include proprietà antibatteriche, fungicide, regolatrici della crescita, anti-mutagene, anti-nutrimento e repellenti. I benefici salutari del dente di leone possono essere attribuiti alla presenza di queste sostanze amare e di componenti fenoliche, che possiedono attività antiossidanti e antinfiammatorie.

  • Taraxasterol

Il tarassasterolo (TS) è un triterpene pentaciclico, altamente presente nelle radici dei denti di leone durante tutto l’anno, la TS ha proprietà antinfiammatorie ed è considerata un agente terapeutico per il trattamento delle malattie infiammatorie. TS ha mostrato attività antimicrobica contro Staphylococcus Aureus ; la sua presenza nelle cellule cancerose può contrastare lo sviluppo del tumore in vari.

  • Acido clorogenico e cicorico

Il CGA è un estere dell’acido caffeico e chinico e il componente fenolico più ricco del dente di leone. Si trova in tutte le parti della pianta (radici, fiori, foglie e steli).  il CGA può essere utilizzato come agente anti-diabetico, antiossidante e anti-cancerogeno, che si basa sulla sua attività scavenger per specie reattive dell’ossigeno e dell’azoto. Il CRA è il componente più abbondante che si trova nelle radici, nelle foglie e negli steli del dente di leone. In presenza di inulina, il CRA migliora il metabolismo dei lipidi attraverso un aumento significativo dell’escrezione fecale di lipidi, colesterolo e acidi biliari, il che implica che regola il metabolismo dei lipidi.

  • Altri micronutrienti trovati nel dente di leone

Il dente di leone è anche ricco di vitamine (A, C, D, E e B), inositolo, lecitina e minerali come ferro, magnesio, sodio, calcio, silicio, rame, fosforo, zinco e manganese. Tra le verdure, il dente di leone è una delle fonti più ricche di beta-carotene ed  ha dimostrato benefici per la salute tra cui effetti anti-reumatici, anti-cancerogeni, diuretici, lassativi, ipoglicemici e cloretici.

 

Funzioni e interazioni con l’organismo del tarassaco

Tarassaco e Sistema Immunitario

Il Tarassaco stimola la sintesi dell’ossido nitrico, una sostanza coinvolta nei processi di regolazione e difesa del sistema immunitario, in particolare del sistema linfatico, inoltre il tarassaco vanta proprietà antivirali e antibatteriche. Le proprietà benefiche sulle difese immunitarie vengono anche dalle vitamine che contiene, soprattutto la vitamina C.

Tarassaco e Sistema Digerente

Il tarassaco viene impiegato per alleviare la stitichezza e  problemi digestivi. Ha infatti azione coleretica-colagoga che diventa utile per le problematiche che possono essere causate da eventuali alterazioni del flusso biliare. Agisce sul senso di pienezza, sui disturbi digestivi e sulla produzione di gas intestinali. Le radici sono molto ricche di inulina, una fibra prebiotica che è indigeribile per il nostro organismo, ma che è invece nutrimento essenziale per i microrganismi che compongono la nostra flora batterica intestinale che, quando è in eubiosi, in equilibrio, aiuta sia a mantenere la corretta funzionalità del sistema digerente che di quello immunitario.

Tarassaco e Sistema Urinario ed epatico

Si tratta di una pianta epatoprotettiva: il tarassaco stimola la funzionalità biliare, epatica e renale, cioè attiva gli organi emuntori (fegato reni, pelle) adibiti alla trasformazione delle tossine, nella forma più adatta alla loro eliminazione (feci, urina, sudore) ed è indicato in caso di insufficienza epatica, itterizia e calcoli biliari. 

Stimola, inoltre, le secrezioni di tutte le ghiandole dell’apparato gastroenterico (saliva, succhi gastrici, pancreatici, intestinali) e la muscolatura dell’apparato digerente, producendo un’azione lassativa secondaria. Il tarassaco ha proprietà diuretiche grazie alla presenza dei flavonoidi e dei sali di potassio, che stimolano la diuresi favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso. La sua assunzione è perciò indicata anche in caso di ritenzione idricacellulite e ipertensione

 

Scegliere un integratore a base di Tarassaco

Come abbiamo potuto vedere sopra nel rispondere alla domanda il tarassaco a cosa serve abbiamo individuato l’utilizzo di un integratore a base di Tarassaco per:

  • Insufficienza biliare (bile compromessa);
  • Problemi digestivi;
  • Insufficiente drenaggio dei liquidi corporei;
  • Irregolarità del transito intestinale;
  • Regolazione glicemica.

 

Per fare fronte a queste problematiche ci si deve orientare verso un integratore di qualità come Tarassaco di Tn Pharma che prevede l’assunzione di una compressa al giorno.

Valuta questo articolo
[Voti:    Media: /5]

Acquista online su TsunamiNutrition.it

TARASSACO 30 TABS
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Dott. Alessandro Sacconi

Con profonde conoscenze nel campo della nutrizione alimentare, il Dott. Alessandro Sacconi segue numerosi pazienti trattando diverse patologie e disturbi alimentari.

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x