Home » Magnesio assoluto: la fonte migliore di magnesio

MAGNESIO… IL BIOREGOLATORE DEL BENESSERE QUOTIDIANO

Il Magnesio, dopo il Potassio, rappresenta lo ione quantitativamente più presente all’interno delle nostre cellule ed è considerato un minerale importantissimo per via delle numerose funzioni fisiologiche che svolge nel nostro organismo, che riguardano soprattutto muscoli, cervello, ossa, cuore.

Normalmente, in un individuo sano, la quantità di Magnesio corporeo totale si aggira sui 25g, tale quantità è ripartita principalmente tra ossa e muscoli e per mantenerla costante si consiglia un apporto giornaliero di magnesio pari a 320 mg per le donne e 420 mg per gli uomini. Poiché non è possibile la sua sintesi nell’organismo animale, l’unica fonte fisiologica di approvvigionamento è una “sana alimentazione” e, in questo caso, l’acqua assume grande importanza perché da sola, apporta quasi il 10% del fabbisogno giornaliero.

L’omeostasi del Magnesio è mantenuta da diversi organi: in primis l’intestino, nel quale avviene l’assorbimento; poi ci sono le ossa, che sono responsabili dell’immagazzinamento e infine i reni attraverso cui avviene l’escrezione o il riassorbimento. A tutti questi processi metabolici prendono parte anche altre sostanze come ad esempio la Vitamina D, e ormoni come il Paratormone (PTH) e gli estrogeni.

QUALI SONO LE PRINCIPALI FUNZIONI DEL MAGNESIO?

Si è scoperto che questo minerale è coinvolto nell’attivazione di più di 300 enzimi e sostanze chimiche dell’organismo ed è un componente fondamentale nei processi cellulari che generano energia e metabolismo.

Scopriamo insieme quali sono le funzioni corporee per le quali il magnesio svolge un ruolo chiave1-2 

A

Funzione neurologica: Il magnesio è coinvolto nella sintesi di numerosi neurotrasmettitori come dopamina, noradrenalina, melatonina e GABA. Per questo è un elemento fondamentale nel mantenimento delle normali funzioni celebrali e cognitive (soglia dell’attenzione, memoria, apprendimento); è cofattore dell’enzima di conversione del triptofano in serotonina, quindi, contribuisce a sostenere un equilibrato tono dell’umore e una normale attività psicologica. Il magnesio è un ottimo aiuto per la regolazione del ritmo del sonno innanzitutto perché contribuisce al rilassamento muscolare; oltre a questo, attiva i recettori dell’acido gamma-aminobutirrico (GABA) del cervello. Il GABA è un neurotrasmettitore che, legandosi ai suoi recettori specifici, svolge un ruolo importante nella risposta del corpo allo stress ed è responsabile di calmare l’attività del sistema nervoso.

Quando il GABA non agisce come dovrebbe, aumenta il nostro livello di preoccupazione, cominciamo ad avere pensieri ossessivi, ci svegliamo spesso nel cuore della notte con il battito cardiaco accelerato, a poco a poco cadiamo nell’esasperante spirale dell’ansia. In questo caso entra in azione il Magnesio che attiva i recettori del GABA, ed influenza positivamente il sonno3.

C

Funzione metabolica ed energetica: È stata individuata una stretta correlazione tra sindrome metabolica, diabete mellito di tipo 2 (DM2) e ipomagnesemia. I soggetti diabetici presentano, di solito, anche una carenza di magnesio; questo può implicare lo sviluppo di un cattivo controllo metabolico e di complicanze croniche4.

Per la sua presenza massiccia nei mitocondri, il magnesio ha un ruolo particolarmente importante nella generazione di energia cellulare ed è coinvolto in processi come la sintesi di proteine, acidi nucleici e grassi. A livello energetico, gli ioni Mg2+ si legano alla molecola di ATP stabilizzandola (complesso Mg-ATP), fungendo così da cofattore quando questa deve rilasciare o immagazzinare energia. A livello muscolare il magnesio regola la contrazione e il rilassamento perché entra nella gestione dei flussi di calcio all’interno della cellula, consentendo così la trasmissione degli impulsi neuromuscolari.

Funzione cardiovascolare: Il magnesio lavora insieme al calcio, al sodio e al potassio per controllare il tono muscolare delle pareti dei vasi sanguigni e per questo motivo è stato studiato approfonditamente per il suo ruolo nelle malattie cardiovascolari4. Nello specifico regolarizza i flussi di potassio nelle cellule del miocardio, partecipa ai processi che portano alla vasodilatazione e alla riduzione dell’aggregazione piastrinica.

Funzione ossea: Come abbiamo già detto, le ossa costituiscono una riserva di magnesio per il corpo, e proprio questa riserva mantiene costante la concentrazione del minerale nel sangue; quando si verifica una sua carenza, le riserve ossee intervengono per ristabilire l’equilibrio. Viceversa, il magnesio favorisce la salute delle ossa contribuendo alla conversione della vitamina D nella sua forma attiva ed è necessario per il legame del calcio allo smalto dei denti.

LA CARENZA DI MAGNESIO SI CHIAMA IPOMAGNESEMIA

Nonostante questo minerale sia così disponibile in natura e di così facile approvvigionamento l’ipomagnesemia è una condizione in cui versa circa il 70% della popolazione.

L’equilibrio del magnesio è regolato attraverso una complessa rete di trasportatori nell’intestino e nei reni, quindi lo stato di salute dell’apparato digerente e dei reni può influenzare significativamente i livelli di magnesio.

Lo stress cronico può portare all’esaurimento delle riserve di magnesio e alcune patologie possono compromettere i meccanismi che sovrintendono la sua omeostasi. Ad esempio, un’infezione virale intestinale che provoca vomito o diarrea può causare una temporanea carenza di magnesio. Anche patologie come sindrome dell’intestino irritabile e colite ulcerosa, diabete, pancreatite, ipertiroidismo, mestruazioni intense, eccessiva sudorazione, malattie renali e assunzione di diuretici possono causare bassi livelli di magnesio.

Inoltre, l’assunzione eccessiva di alcool, sale e caffè potrebbe abbassarne i livelli.

Altri fattori che influenzano i livelli di magnesio nella popolazione in generale sono: il modo in cui vengono cotti gli alimenti, i cambiamenti nell’alimentazione e l’aumento dell’uso di acqua a basso contenuto di magnesio.

Nei casi di ipomagnesemia lieve possiamo notare mal di testa ricorrente e ipereccitabilità, che può manifestarsi con sbalzi d’umore, irritabilità e insonnia. A livello muscolare possono presentarsi crampi, spasmi, tremori o contrazioni involontarie. Quando la carenza è più severa, infine, si possono verificare anche casi di aritmia.

COME ASSUMERLO

Una buona e sana alimentazione rappresenta la via migliore per un elevato apporto di magnesio; alimenti come frutta secca, legumi, riso e crusca e alcuni vegetali ne sono ricchi. In generale i cibi che contengono un’elevata quantità di fibre, contengono anche elevati livelli di magnesio.

Di tutto il magnesio assunto con l’alimentazione, però, solo il 30-40% viene davvero assorbito ed è disponibile per svolgere il suo ruolo fisiologico; si rende necessaria, pertanto, anche la sua integrazione con integratori specifici.

Il mercato degli integratori alimentari di magnesio è davvero molto vasto e possiamo trovare varie forme: capsule, compresse, tavolette effervescenti, polveri, gomme, caramelle. In ognuna di esse il magnesio si presenta legato a un’altra molecola a formare dei sali organici o inorganici.

Ciò su cui ci dobbiamo soffermare nella valutazione è:

  • Il magnesio elementare che è la quantità di magnesio presente all’interno dell’intera molecola
  • La biodisponibilità cioè la quantità di magnesio che effettivamente viene assorbita e che va ad agire poi sui vari organi.

Esistono vari sali di magnesio: ascorbato, gluconato, cloruro, ossido, carbonato: tra tutti, quello con più alta biodisponibilità è il magnesio citrato come già enunciato dallo scienziato anglo-tedesco Sir Hans Adolf Krebs (quello del ciclo di Krebs!).

Seguendo questi princìpi, il Team Ricerca e Sviluppo Tsunami Nutrition ha sviluppato il suo MAGNESIO ASSOLUTO. Una speciale formula in cui, partendo da magnesio carbonato e acido citrico, si vuole ottenere magnesio citrato direttamente in soluzione acquosa con il risultato di avere un prodotto

  • Sicuro
  • Efficace
  • Altamente biodisponibile
  • Senza additivi e zuccheri

Per incrementare ulteriormente la quantità di magnesio, Magnesio Assoluto è arricchito con un’altra innovativa specialità di magnesio chiamata MAGSHAPE™ microcapsules, costituita da Magnesio Ossido microincapsulato.

Il magnesio ossido è un sale di magnesio inorganico meno biodisponibile del magnesio citrato ma che consente un apporto di magnesio minerale nettamente superiore; la microincapsulazione gli permette di superare i problemi di assorbimento esaltando così le proprietà benefiche di questo minerale.

L’apporto quotidiano di magnesio stabilito dal Ministero della Salute è 375 mg; MAGNESIO ASSOLUTO permette di introdurre nel nostro corpo 430 mg che costituiscono ben il 115% di VNR (Valori Nutrizionali di Riferimento).

Abbiamo deciso di proporvi due versioni: una senza aroma, da poter sciogliere nelle vostre bevande preferite senza alterarne il gusto, e una versione al piacevole gusto d’arancia per chi desidera consumarlo direttamente in acqua.

 

BIBLIOGRAFIA

  1. Jahnen-Dechent W, Ketteler M. Magnesium basics. Clin Kidney J. 2012;5(Suppl 1): i3‐i14.
  2. Expert Group on Vitamins and Minerals. Safe Upper Levels for Vitamins and Minerals 2003. https://cot.food.gov.uk/sites/ default/files/vitmin2003.pdf.
  3. Gottesmann C. GABA Mechanisms and Sleep. Neuroscience 2012; 111 (2): 231-9.
  4. Diabets Care 2003; 26: 1147-1152.

Acquista online su TsunamiNutrition.it

Magnesio Assoluto 300 grMagnesio Assoluto 150 gr
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Simona Polignano

Simona Polignano è una farmacista con forti esperienze nel settore nutraceutico e farmaceutico capace di sviluppare nuove formulazioni dall'elevato grado d’innovazione

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x