Home » Integratori con zinco

Lo zinco è considerato un “oligoelemento essenziale” perché la sua funzione è indispensabile per la salute umana. Il corpo umano non è in grado di accumulare grandi quantità di zinco, perciò questo minerale deve essere regolarmente consumato con la dieta. Le fonti alimentari comuni di zinco sono carne rossa, pollame e pesce. Forse in questi ultimi mesi si è sentito parlare di zinco come non mai, poiché la ricerca ha evidenziato che in stati carenziali di zinco i pazienti affetti da Covid-19 sono più vulnerabili alle conseguenze negative dell’infezione. Scopriamo più da vicino questo minerale e gli integratori con zinco.

Integratori con Zinco: sostegno per il sistema immunitario

Diciamo subito che la recente “riscoperta” dello Zinco trova spiegazione nel ruolo importantissimo che lo zinco svolge a sostegno del sistema immunitario. Infatti lo zinco è necessario per la funzione immunitaria, la guarigione delle ferite, la coagulazione del sangue, la funzione tiroidea e molto altro.  I sintomi da carenza di zinco includono crescita rallentata, bassi livelli di insulina, perdita di appetito, irritabilità, perdita di capelli, pelle secca, guarigione lenta delle ferite, scarso senso del gusto e dell’olfatto, diarrea e nausea. Una carenza moderata di zinco può essere provocata da disturbi dell’intestino che interferiscono con l’assorbimento del cibo (sindromi da malassorbimento), alcolismo, insufficienza renale cronica e malattie croniche debilitanti Lo zinco svolge anche un ruolo importante nel mantenimento della vista ed è presente in elevate concentrazioni negli occhi. Ne consegue che la carenza di zinco può alterare la vista e nei casi carenziali più gravi può alterare la retina.  Lo zinco trova anche una buona correlazione con la salute sessuale maschile e la fertilità. Bassi livelli di zinco possono essere associati a infertilità, anemia falciforme, HIV, depressione e diabete di tipo 2.

L’assunzione orale di integratori con zinco o la somministrazione per via endovenosa (per via endovenosa) aiutano a ripristinare i livelli di zinco nelle persone che sono carenti di questo minerale. Sebbene i meccanismi biochimici dipendenti dallo zinco nelle funzioni fisiologiche abbiano ricevuto ampi studi, non sono state completamente stabilite conclusioni chiare. Lo zinco è comunque presente in tutte le cellule del nostro corpo e il suo ruolo biologico prevede funzioni catalitiche, funzioni strutturali e funzioni regolatrici. Lo zinco viene assorbito nell’intestino tenue da un meccanismo mediato da trasportatori. Viene rilasciato dal cibo come ioni liberi durante la digestione e le proteine ​​di trasporto specifiche possono facilitare il passaggio dello zinco attraverso la membrana cellulare nella circolazione portale. Con assunzioni elevate, lo zinco viene assorbito anche attraverso una via paracellulare passiva. Il sistema portale trasporta lo zinco assorbito direttamente al fegato e da qui viene rilasciato nella circolazione sistemica e traportato agli altri tessuti. Circa il 70% dello zinco in circolazione è legato all’albumina e qualsiasi condizione che altera la concentrazione sierica di albumina può avere un effetto secondario sui livelli sierici di zinco. Sebbene lo zinco sierico rappresenti solo lo 0,1% dello zinco di tutto il corpo, lo zinco circolante si trasforma rapidamente per soddisfare le esigenze dei tessuti.Il mantenimento di uno stato costante di zinco cellulare, o omeostasi, è essenziale per la sopravvivenza. Negli animali e nell’uomo, gli aggiustamenti dell’assorbimento totale di zinco e dell’escrezione intestinale endogena sono i mezzi principali per mantenere l’omeostasi dello zinco. La biodisponibilità si riferisce alla frazione di assunzione che può essere assorbita nel sistema sanguigno e utilizzata per le funzioni fisiologiche dell’organismo.

Integratori con zinco e assorbimento

Vari fattori dietetici possono influenzare l’assorbimento dello zinco, ad esempio l’acido fitico è il principale fattore dietetico noto per limitare la biodisponibilità dello zinco legando fortemente lo zinco nel tratto gastrointestinale. Per questo motivo, le persone che seguono un regime alimentare ricco di acido fitico (come ad esempio i vegani e i vegetariani) possono andare incontro a carenze di zinco. L’assorbimento dello zinco tende ad aumentare con l’assunzione di proteine animali, probabilmente perché gli amminoacidi rilasciati dalla proteina animale mantengono lo zinco in soluzione. Rispetto ad adulti, neonati, bambini, adolescenti, donne in gravidanza e in allattamento hanno un fabbisogno maggiore di zinco e, quindi, sono a maggior rischio di carenza. A causa della moltitudine di funzioni biochimiche dello zinco nelle cellule del corpo umano, esiste un’ampia gamma di segni fisiologici di carenza di zinco. Gli organi noti per essere clinicamente colpiti da stati di carenza di zinco includono la pelle, il sistema gastrointestinale, il nervoso centrale, il sistema immunitario, il sistema scheletrico e riproduttivo. Le cause generali della carenza di zinco comprendono un’assunzione inadeguata, un fabbisogno aumentato, un malassorbimento, un aumento delle perdite e un utilizzo ridotto. Tuttavia, un apporto alimentare inadeguato di zinco assorbibile è la causa principale di carenza di zinco nella maggior parte delle situazioni. Le diete a base di cereali e legumi e povere di prodotti animali rendono difficile soddisfare il fabbisogno di zinco perché il loro alto contenuto di fitato (derivante da acido fitico) riduce la biodisponibilità dello zinco. Numerosi studi sull’integrazione di zinco hanno dimostrato che è possibile ottenere un’ampia gamma di benefici per la salute aumentando l’assunzione di zinco laddove le diete sono carenti di questo micronutriente.

Se assunto per via orale tramite integratori con zinco è un integratore sicuro per la maggior parte degli adulti, in quantità non superiori a 40 mg al giorno. Dosi elevate superiori alle quantità raccomandate potrebbero causare febbre, tosse, mal di stomaco, affaticamento e molti altri problemi. Facendo riferimento a una dose giornaliera di zinco di circa 15 mg si copre il fabbisogno giornaliero di zinco evitando spiacevoli effetti collaterali. Si raccomanda l’assunzione di integratori che forniscano Sali di zinco, prontamente assorbibile, come ZnSO4, gluconato di zinco o acetato di zinco poiché vengono assorbiti in modo più efficiente.

Integratori con zinco: quali scegliere?

Sulla base di tutte queste consapevolezze, il team di ricerca e sviluppo TN PHARMA ha lavorato a lungo per ottenere il nuovo Micro-zinco, un integratore di zinco microincapsulato. Questa formulazione innovativa consente di aumentare la stabilità e la biodisponibilità dell’integratore di zinco. Ciascuna capsula di questo integratore apporta 15mg di zinco, che corrisponde alla dose giornaliera raccomandata. Quindi basta una singola assunzione giornaliera per garantirsi tutto lo zinco di cui abbiamo bisogno, in una forma sicuramente biodisponibile in grado di essere interamente assorbita e utilizzata dal nostro organismo. Se pensate che la vostra dieta sia carente di zinco e volete godere dei benefici di una adeguata assunzione di zinco, dovete sicuramente tenere in considerazione questo integratore.

Acquista online su TsunamiNutrition.it

MICRO-ZINCO 30 CAPSULE
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Dott. Antonio Milocco

Biologo nutrizionista, il Dott. Antonio Milocco è focalizzato sulla ricerca nelle scienze dell’alimentazione grazie ad una collaborazione con l’Università di Sassari.

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x