Home » Come migliorare i tempi di reazione e riflessi?

I tempi di reazione e i riflessi sono due componenti fondamentali nello sport, soprattutto in quegli sport in cui tempismo, potenza e reattività fanno la differenza. Analizziamo insieme cosa si intende per tempi di reazione e capiamo quali sono le azioni che possiamo realizzare per migliorarli e gli integratori per la concertazione che possono dare una marcia in più nei casi dove la prontezza dei riflessi fa davvero la differenza sul risultato. Pensiamo ad una risposta al servizio nel tennis, alla velocità nello schivare un pugno in un incontro di boxe, un cambio di direzione repentino nella corsa. Tutte queste azioni richiedono una grande reattività e degli ottimi riflessi e sono strettamente correlate alla capacità del nostro sistema nervoso di rispondere agli stimoli esterni. Il sistema nervoso centrale (costituito da cervello e midollo spinale) e il sistema nervoso periferico sono responsabile della nostra reattività e dei nostri riflessi. Gli stimoli esterni sono percepiti da recettori periferici del nostro corpo e inviati al cervello. Il cervello elabora gli stimoli e mette in atto una risposta neuro-motoria, attraverso neuroni motori efferenti.  Pensate con che velocità avviene tutto questo meccanismo, quasi istantaneamente!

La velocità con cui avviene questo meccanismo non è uguale in tutti gli individui e può essere notevolmente migliorata attraverso appositi comportamenti ma anche utilizzando integratori per la concentrazione. Prima di scoprire nel dettaglio la categoria “integratori concentrazione”, occorre precisare che reazioni e riflessi non sono proprio la stessa cosa. 

  • Le reazioni vengono messe in atto dal cervello volontariamente, in risposta ad un qualsiasi stimolo esterno. 
  • I riflessi invece sono risposte quasi involontarie che il nostro cervello mette in atto per proteggerci da eventuali pericoli.  

Quindi effettivamente dal punto di vista fisiologico esiste una vera e propria differenza: i riflessi passano direttamente attraverso il midollo spinale, senza coinvolgere il cervello. Le reazioni, invece, vengono prime elaborate dal cervello, il quale conseguentemente dirige una risposta.  Questa spiegazione fisiologica giustifica il perché i riflessi siano più rapidi rispetto alle risposte, ma non esclude il fatto che si possa fare un ottimo lavoro per rendere sempre più rapidi ed efficienti i tempi di risposta. Vediamo come si può fare, stilando una lista di regole utili a migliorare i tempi di reazione e i riflessi. 

 

Cosa fare per migliorare i tempi di reazione e i riflessi

DORMIRE

Sembra un paradosso, è vero, ma uno dei modi più validi per mantenere un sistema nervoso efficiente è quello di concedergli un abbondante riposo. Durante il sonno i processi cognitivi vengono ottimizzati, il cervello memorizza le nuove informazioni e il sistema nervoso si “rigenera”. Una buona regola è dormire almeno 7-9 ore per notte, prestando molta attenzione alla qualità del sonno. Passare molte ore a letto non significa dormire bene, infatti occorre ottimizzare l’efficienza e la regolarità delle fasi del sonno. In sostanza, bisogna garantirsi un’ottima “igiene del sonno”. 

MANGIARE IN MODO SANO E PRENDERSI CURA DEL BENESSERE INTESTINALE

Il sistema nervoso, il cervello e i muscoli sono in stretta correlazione e si influenzano reciprocamente. Un intestino appesantito si riflette su un cervello “appesantito”, peggiorando capacità cognitive, riflessi e umore. Per questo occorre prendersi cura della salute intestinale con una buona alimentazione, preferibilmente in stile mediterraneo. Dopo aver messo a punto l’alimentazione, può essere molto utile supportare la salute del microbiota intestinale con integratori probiotici e multivitaminici. Attenzione agli eccessi calorici, poiché potrebbero portare una massiccia stimolazione del sistema nervoso parasimpatico, che ci rende poco reattivi e letargici. 

ALLENAMENTI SPECIFICI

Esistono una moltitudine di esercizi validi, mirati ad aumentare reattività e riflessi. Ne citeremo alcuni, premettendo che gli adattamenti neuro-motori sono meccanismi lenti, per cui solo la pratica costante e duratura di questi esercizi può essere d’aiuto. Gli esercizi di sprint guidati da un segnale sono molto validi e utili in tutti gli sport in cui un buono sprint è determinante, come ad esempio  il tennis, il tennis paddle, il calcio. Gli esercizi esplosivi di pliometria sono un altro valido modo per migliorare la reattività e i riflessi. Gli esercizi eseguiti con una certa velocità ed esplosività migliorano il reclutamento neuro-muscolare, quindi per la maggior parte dei casi occorre allenarsi in questo modo, a discapito di movimenti troppo lenti che potrebbero peggiorare la reattività. Esistono poi tutta una serie di esercizi specifici semplici ma efficaci, praticati da anni nei vari sport, ma non li tratteremo in questa sede. 

UTILIZZARE I GIUSTI INTEGRATORI

Da anni il mondo della ricerca nel campo dell’integrazione ha cercato di trovare “l’integratore magico” o l’integratore per la concentrazione in grado di aumentare reattività e riflessi, ma la realtà è che purtroppo non esiste! Esistono, tuttavia, una serie di molecole il cui utilizzo può essere molto valido per ottimizzare l’efficienza del sistema nervoso. Vitamine del complesso B, caffeina, ashwagandha, ginko biloba, fosfatidilserina, creatina, sali minerali, vitamina C, sono alcune delle sostanze più importanti che è doveroso citare. Assieme a queste occorre anche considerare tutta una serie di molecole “minori” che però hanno dimostrato una potente azione sinergica con quelle sopracitate. 

Integratori per la concentrazione

Nella ricerca di blend di molecole utili a migliorare la funzionalità cognitiva, il TEAM DI RICERCA E SVILUPPO ha elaborato due prodotti davvero interessanti. 

  1. COGNI-FORT, il nuovo integratore di TN PHARMA, a base di estratti naturali e materie prime innovative, utili al benessere mentale, alla concentrazione e alla memoria. Questo integratore è stato studiato anche per combattere in la stanchezza mentale, ridurre i livelli di stress e garantire una migliora qualità del sonno. La precisa formulazione e la presenza di materie prime brevettate fa di questo integratore un valido alleato per il benessere mentale. 
  2. NEUROPURE RECOVERY, nasce invece come integratore mirato a garantire un recupero ottimale per il sistema nervoso, riducendo i livelli di cortisolo (ormone dello stress) e garantendo un sonno di qualità. Se ricordate, all’inizio di questo articolo abbiamo citato proprio l’importanza della qualità del sonno per ottimizzare l’efficienza del sistema nervoso. Gli atleti sanno bene che il cortisolo è il peggior nemico del recupero ed è importante combattere l’eccesso di questo ormone con tutte le armi possibili. Alti livelli di cortisolo, nel cronico, peggiorano le capacità cognitive, il tono dell’umore, indeboliscono il sistema immunitario e portano apatia e scarsa motivazione. Tutto questo ovviamente ha un riflesso negativo sulle performance sportive, il recupero e la qualità della vita in generale.

 

In conclusione, migliorare i riflessi e la reattività è un fenomeno del tutto possibile nello sport e, mettendo in pratica scrupolosamente quanto citato in questo articolo e scegliendo i giusti integratori per la concentrazione, potrete ottenere grandi risultati! 

 

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Dott. Antonio Milocco

Biologo nutrizionista, il Dott. Antonio Milocco è focalizzato sulla ricerca nelle scienze dell’alimentazione grazie ad una collaborazione con l’Università di Sassari.

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x