Home » Come controllare il senso di fame in estate e allenarsi al meglio

Questa sarà un’estate particolarmente intensa per molte persone. Dopo mesi di restrizioni e lockdown si ritorna a viaggiare: che sia mare o montagna la gente vuole andare in vacanza per respirare la libertà totale. Proprio quest’ultima potrebbe però essere fonte di aumenti di peso non richiesti, maniglie dell’amore inaspettate o cellulite un po’ troppo evidente. Durante il periodo estivo accade che le persone, andando in vacanza con l’obiettivo di rilassarsi, smettano di seguire non solo la dieta ma anche un regime alimentare corretto. Questo avviene anche per i mesi precedenti di regime ipocalorico seguito per arrivare all’estate con un fisico impeccabile.  Seguire una dieta ipocalorica per molto tempo porta a delle variazioni ormonali nell’organismo. In primis, quando le calorie scarseggiano, l’ormone grelina segnala al cervello la situazione e aumenta il senso di fame. Viceversa, l’ormone leptina, una volta che le riserve energetiche sono soddisfatte, comunica questa informazione al cervello e prevale il senso di sazietà.

Cosa influenza il senso di fame?

Tuttavia, ognuno percepisce in modo differente il senso di fame e questo per vari motivi. Innanzitutto dipende dal livello di stress psicofisico indotto dall’alimentazione e/o dall’allenamento. Difatti, uno degli errori più comuni che si commette è mangiare meno ed allenarsi di più: questo porta ad uno squilibrio per cui il rilascio dell’ormone grelina aumenta costantemente, con un altrettanto costante senso di fame che può sfociare in episodi di binge eating. O ancora, un ruolo chiave gioca lo stress psicologico. Mai come oggi le persone sono stressate, con un senso di chiusura e privazione della libertà. Alcuni meccanismi a livello psicologico fanno sì che una persona stressata tenda ad assumere cibi zuccherini e grassi, in modo da favorire il rilascio degli ormoni del benessere come serotonina e dopamina. In ultimo, ma non meno importante, la popolazione femminile deve fare i conti con il ciclo mestruale.

Ricordiamo che, come ampiamente descritto nei miei articoli sulla sensibilità insulinica e la fame nervosa, la fase che precede l’arrivo del ciclo mestruale porta il soggetto a consumare cibi ricchi di zuccheri. Se a ciò ci aggiungiamo i fattori visti prima, allora è evidente come sia necessario più aiuto possibile per evitare inutili abbuffate. Prima di consigliarvi uno tra i migliori integratori che potreste assumere per evitare di rovinare i risultati che tanto avete impiegato a ottenere, è bene specificare un concetto. L’integrazione può aiutare molto nella gestione dell’appetito (forse è uno dei campi in cui l’integrazione funziona di più), ma se non viene seguito un regime alimentare corretto e non si pratica regolare attività fisica, non avrà alcun effetto. Per cui è bene imparare a vedere l’integrazione come l’arma segreta, quel fattore in più che aiuta il soggetto nel perseguire i suoi obiettivi, e non come la pillola magica che cancella le conseguenze di una pessima alimentazione e/o di una vita sedentaria.

Gestire l’appetito

Esistono alcune strategie che possono migliorare molto la percezione del senso di fame, oltre che vivere meglio la quotidianità e la socialità. Innanzitutto, occorre evitare di arrivare all’estate seguendo un regime dietetico troppo rigido o eccessivamente ipocalorico. Questo perché, come accennato all’inizio dell’articolo, lunghi periodi di restrizione calorica portano l’organismo ad aumentare il desiderio di alcune sostanze inducendo attacchi di fame nervosa. Oltre a ciò, il dispendio calorico per le attività quotidiane diminuisce, con una pessima influenza anche sull’attività fisica. Durante il periodo estivo, invece, è necessario tenersi bene idratati e non solo per l’ovvio motivo di non far mancare acqua agli organi, ma anche perché il cervello va alla ricerca acqua non solo nei liquidi, ma anche in cibi semi-solidi. Quante volte vi sarà capitato quando avevate sete di aver voglia di uno yogurt o un frappè, piuttosto che di un gelato o di altri prodotti freschi ma purtroppo altamente zuccherini e calorici.

Un consiglio che sicuramente nessuno si aspetta, è che se si vuole avere meno appetito… si deve mangiare di più! Non hai letto male, devi mangiare di più ma soprattutto più frequentemente. Digiunare per molte ore in vista di uno sgarro porta a mangiare molto di più in quanto l’appetito è molto maggiore. Per cui, piuttosto che saltare lo spuntino di metà pomeriggio in vista di una cena al ristorante, è bene piuttosto consumare lo spuntino magari con fonti di proteine magre (per esempio uno shaker di ISOPure PROFESSIONAL). Le proteine permettono di ridurre il senso di fame per molte ore, oltre che aumentare il metabolismo per via della termogenesi indotta.

Integrazione

Il mondo del fitness è pieno di integratori che favoriscono il dimagrimento, o dovrebbero farlo. Negli ultimi anni, anche grazie alla riesamina della medicina orientale, sono state scoperte varie sostanze che non solo permettono di ridurre l’appetito a livello organico, ma anche di favorire uno stato di benessere agendo a livello recettoriale sia in modo diretto che indiretto, facendo percepire al cervello (e allo stomaco) un senso di sazietà che senza l’integratore non sarebbe possibile.

Tsunami Nutrition è sempre alla ricerca non solo di valide sostanze, ma di brevetti certificati per garantire al consumatore la massima qualità disponibile sul mercato. Oltre a ciò, la combinazione di alcuni estratti con altri permette un’efficacia quasi doppia rispetto alle sostanze singole (o sotto-dosate) che si trovano presso altri produttori.

APPETITE CONTROL Pure PROFESSIONAL “Red Line”

appetite-control-pure-professional-80-tabs

Punta di diamante nella gestione dell’appetito, APPETITE CONTROL Pure PROFESSIONAL “Red Line” di Tsunami Nutrition è stato creato appositamente per aumentare il senso di sazietà e ridurre gli attacchi di fame, diventato un vero e proprio alleato per chi cerca un prodotto in grado di facilitare il percorso di dimagrimento o stare in forma durante l’estate. Le sostanze al suo interno sono totalmente naturali, certificate e approvate dagli istituti di sanità.

In particolare, i brevetti Satiereal® e Slendesta® sono utilizzati da alcuni tra i più grandi brand di integratori a livello mondiale per la loro efficacia dimostrata tramite studi clinici. Vediamoli di seguito nel dettaglio, insieme agli altri ingredienti.

 

  • Satiereal®: è un estratto brevettato di Zafferano, utilizzato fin dall’antichità per la sua azione positiva sul rilassamento, oggi sappiamo avere proprietà modulatorie dell’appetito. Infatti, il fitocomplesso presente nello stigma dello Zafferano, agisce stimolando il senso di sazietà e questo consente di contrastare la fame compulsiva o nervosa e una miglior gestione dell’appetito. Studi clinici hanno riscontrato che l’assunzione di questa sostanza abbia avuto effetto sulla diminuzione della fame, sull’assunzione di cibo e sulla durata del pasto. In particolare, due parametri sono stati influenzati in modo significativo: la sensazione di fame percepita tra i pasti e la voglia di alimenti dolci.

 

Immagine1arr
Figura 1 –  Effetti dell’assunzione di Satireal®

 

  • Slendesta® è un estratto brevettato a base di proteine derivanti da patate Kemin, coltivate in Colorado. Grazie ai composti presenti al suo interno, aumenta il senso di sazietà e lo fa durare più a lungo, sopprime l’appetito e controlla la fame. Dagli studi è emerso come Slendesta® sia in grado di aumentare il senso di sazietà senza causare gonfiori o fastidi. Inoltre è stata riscontrata una riduzione della glicemia postprandiale, andando quindi ad agire anche sul quadro glicemico. L’efficacia del prodotto deriva dalla proteina PI2 (Proteinase Inhibitor II) che agisce promuovendo ed estendendo la naturale secrezione da parte del nostro organismo (duodenodigiuno) di colecistochinina (CCK), un potente peptide in grado di inviare segnali di sazietà agli organi bersaglio, incluso lo stomaco e il cervello.
  • Garcinia Cambogia: grazie all’acido idrissicitrico presente nella scorza del suo frutto, blocca la sintesi di acetil coenzima-A, regolatore enzimatico coinvolto nella biosintesi e nello stoccaggio dei lipidi, riducendo fino al 25% la biosintesi dei grassi corporei.
  • Bromelina: enzima presente nell’ananas, sembrerebbe inibire l’espressione di geni coinvolti nello sviluppo del tessuto adiposo. Tale attività molecolare, si tradurrebbe in un miglior controllo del tessuto adiposo e in un minor rischio di sviluppare complicanze legate all’obesità. Oltre a questo, permette di modulare i livelli di zuccheri nel sangue consentendo quindi un minor stoccaggio di grasso.
  • Glucomannano: estratto di un tubero vegetale giapponese, è in genere utilizzato a scopo gelificante. Una volta ingerito, attira molta acqua al suo interno aumentando il suo volume da 60 a 100 volte, diventando una massa gelatinosa. Ne consegue un senso di sazietà immediato.

 

Completano la formula la pianta Griffonia e il Triptofano che incidono sul rilascio di serotonina, il Cromo e la Gymnema per la modulazione della glicemia e la Rodhiola per ridurre il senso di fame. APPETITE CONTROL Pure PROFESSIONAL è un prodotto certificato Vegan OK, senza Glutine e senza Lattosio.

 

Conclusioni

Se è vero che l’appetito vien mangiando, esso è presente in molte altre condizioni come per esempio diete ipocaloriche, periodi di stress o viceversa di estrema libertà come le vacanze estive. Per cui, quando si tratta di perdere peso o mantenere i risultati ottenuti con tanta fatica, ogni aiuto è sempre bene accetto. Con la consapevolezza che la sola integrazione non può far ottenere risultati duraturi, può però migliorare estremamente la sostenibilità e il benessere del percorso dietetico e velocizzare le tempistiche per arrivare al peso forma. Brevetti come ID-alG™, Satiereal® e Slendesta® sono un’innovazione in campo dietetico, frutto di numerosi studi e tentativi da parte delle aziende produttrici. Queste sostanze permettono ad APPETITE CONTROL Pure PROFESSIONAL non solo di favorire il dimagrimento, ma anche di aumentare il benessere mentale, per vivere al meglio le vacanze e la vita sociale.

Riferimenti

  1. Klok M. Et al. The role of leptin and ghrelin in the regulation of food intake and body weight in humans: a review. Obes Rev (2007)
  2. De Luis D. A. Et al. Changes of ghrelin and leptin in response to hypocaloric diet in obese patients. Nutrition (2008)
  3. Sim Y. Et al. Effects of High-Intensity Intermittent Exercise Training on Appetite Regulation. Med Sci Sports Exerc (2015)
  4. Bouassida A. Et al. Leptin, its Implication in Physical Exercise and Training: A Short Review. J Sports Sci Med (2006)
  5. Chao M.A. et al. Stress, cortisol, and other appetite-related hormones: Prospective prediction of 6-month changes in food cravings and weight. Obesity (2017)
  6. Zarei S. Et al. Blood glucose levels, insulin concentrations, and insulin resistance in healthy women and women with premenstrual syndrome: a comparative study. Clin Exp Reprod Med (2013)
  7. Cohen T. Et al. Food cravings, mood, and the menstrual cycle. Horm Behav (1987)
  8. Gout B. Satiereal, a Crocus sativus L extract, reduces snacking and increases satiety in a randomized placebo-controlled study of mildly overweight, healthy women. Nutr Res (2010)
  9. Abedimanesh N. Et al. Saffron and crocin improved appetite, dietary intakes and body composition in patients with coronary artery disease. J Cardiovasc Thorac Res (2017)
  10. Rahmani J. Et al. The effect of saffron on weight and lipid profile: A systematic review, meta-analysis, and dose-response of randomized clinical trials. Phytother Res (2019)
  11. Chun Y. Et al. A study on verifying the effectiveness of 4-week composite weight-loss dietary supplement ingestion on body composition and blood lipid changes in middle-aged women. J Exerc Nutrition Biochem (2015)
  12. Weaver M. Et al. Bioactive Foods and Ingredients for Health. Adv Nutrition (2014)
  13. Kwang K. Et al. Anti-obesity and anti-diabetic effects of a standardized potato extract in ob/ob mice. Exp Ther Med (2016)
  14. Terpend K. Et al. Effects of ID-alG™ on weight management and body fat mass in high-fat-fed rats. Phytother Res (2012)
  15. 16-weeks bi-centric double-blind randomized placebo-controlled study to evaluate ID-alG benefits and acceptability (400mg per day) on weight management. Clinical study (2006)
  16. Evaluation of IG-alGTM’s weight management effect on overweight women. Monocentric, randomized, placebo controlled clinical study on 56 women using 400 mg of ID-alGTM daily for 8 weeks (2010)

 

Acquista online su TsunamiNutrition.it

APPETITE CONTROL Pure PROFESSIONAL "Red Line"
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Dott. Davide Arrigoni

Con una formazione internazionale, Davide Arrigoni è allenatore e divulgatore scientifico, e proprietario della palestra privata Revolution.

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x